LA FESTA DEL PAPA’ NEL MONDO

Ormai manca una settimana alla festa del papà e, se avete letto la nostra ultima guida per scegliere il regalo perfetto, siete quasi dei veterani sull’argomento. Quello che forse non sapete ancora, però, è perché la festa del papà ricorra proprio settimana prossima. C’è da dire che questa affermazione non è del tutto vera e i più internazionali di voi se ne saranno sicuramente accorti negli anni. Scrollando con il dito i vostri Instagram potreste aver notato strani comportamenti da parte dei profili che seguite oltreoceano (e non solo), che si sono ricordati di festeggiare i loro papà magari ad aprile, a giugno o persino a dicembre. Se vi siete fatti strane idee, dimenticatevele: il popolo dei social non è improvvisamente diventato smemorato e anaffettivo! Semplicemente la festa del papà ricorre in date diverse in quasi tutto il mondo. E non c’è da stupirsi: dopo tutto si tratta di una ricorrenza giovane, che a differenza di tante altre festività, non è legata a una tradizione secolare. Quindi non stupisce neanche il fatto che, oltre alle diverse date, sia celebrata in modi diversi da un capo all’altro del globo. Ecco alcuni esempi meritevoli di menzione.

La chocolaterie parigina

In Francia la festa del papà cade la terza domenica di giugno e c’è un modo molto preciso di festeggiare: ogni anno i figli regalano ai propri padri dei cioccolatini. Dopo tutto, quando si tratta di cioccolato, i francesi giocano in casa e non potevano trovare modo migliore per esprimere il proprio affetto se non con la loro proverbiale raffinatezza e sobrietà. Se quest’anno opterete per festeggiare il vostro papà in stile francese, il consiglio di Bullfrog è di abbinare ai cioccolatini una fragranza come Elisir N.1. Le sue note così avvolgenti, grazie alla dolcezza della fava tonka, si sposano con il cioccolato in un equilibrio perfetto. Non a caso la fava tonka è un ingrediente molto prezioso anche in pasticceria!

La bionda tedesca

La stessa sobrietà che caratterizza la Francia non è certo una particolarità della festa del papà tedesca. Almeno non quando entra in gioco la birra! Quaranta giorni dopo la Pasqua in Germania cade la festa del papà, dove i padri tedeschi trainano dei carri pieni zeppi di cibi della tradizione e, soprattutto, tanta birra. Se deciderete di festeggiare da veri tedeschi, quello che possiamo dirvi è che dopo tutto quel bere e mangiare, non potrete fare a meno del Gel Detergente Purificante per pulire e profumare la barba e le mani tra un boccale e l’altro.

Il rigore siberiano

Tutta un’altra storia in Russia, dove il 23 febbraio si celebra la festa dei difensori della patria. Di fatto è un’equivalente della festa del papà, dove i festeggiamenti, però, si focalizzano più su un aspetto educativo, celebrando la patria attraverso padri forti e dai saldi principi morali. Se vi aspetta una festa del papà all’insegna del rigore, proprio come in Russia, quello di cui avrete bisogno è una rasatura a regola d’arte, come prescritto dalla tradizione. In questo caso non potrete rinunciare a una Crema da Rasatura Secret Potion o a un dopobarba alcolico come Agnostico Lozione.

L’eleganza italiana

C’è poco da dire. Noi italiani siamo eleganti e anche quando si tratta della festa del papà, non facciamo certo eccezione. Per il 19 marzo ci piace scegliere regali che rappresentino questo nostro modo di essere e così i nostri papà si vedono arrivare anno dopo anno cravatte, camicie, ventiquattrore e così via. Ma see pensate che sia il momento di lasciare la tradizione e avventurarsi su terreni più inesplorati, qui trovate tutti i nostri consigli.